Costituito il consorzio Sestriere e le Montagne Olimpiche.

Sabato 19 dicembre 2009 sarà ricordata come una data storica per la nascita del Consorzio Sestriere e le Montagne Olimpiche. Già perché con la costituzione ufficiale presso la sala consiliare del comune di Sestriere si è dato il via ad una nuova era per tutto il territorio. Davanti al notaio Marco Valente sono comparsi, in qualità di soci fondatori, i comuni di Sestriere, Sauze di Cesana, Cesana Torinese, la Sestrieres S.p.A., l’Associazione Albergatori di Sestriere, l’ Ascom, Associazione Mondo Artigiani e Noleggi, l’Associazione Imprenditori di Sestriere e l’Associazione Scuole di Sci e Sci Club di Sestriere. A questi, entro il 2010, dovrebbe aggiungersi, come da intesa, il Comune di Pragelato. “Ringrazio tutti coloro che hanno lavorato duramente per arrivare alla nascita di questo organismo – ha commentato Gianni Poncet, eletto all’unanimità Presidente del Consorzio Sestriere e le Montagne Olimpiche. Ora non ci resta che rimboccarci le maniche e metterci all’opera per portare sul nostro territorio grandi eventi e grandi flussi di turisti sia per la stagione invernale che per quella estiva”. Soddisfazione espressa anche dai Sindaci di Cesana Torinese e Sauze di Cesana che hanno sottolineato come da sempre i flussi turistici delle rispettive località siano sempre stati in “simbiosi” con quelli di Sestriere. In poco più di mezz’ora, mesi e mesi di incontri e trattative, portate avanti in prima persona dall’infaticabile vice sindaco di Sestriere Gianni Poncet, sono giunti in dirittura d’arrivo, alla tanto attesa firma che ha messo il sigillo all’intesa. Si volta pagina, è l’inizio di una nuova era. Una svolta epocale per Sestriere e per tutte le vallate nate e cresciute sotto la spinta, l’influsso della Famiglia Agnelli, della Fiat che negli anni ’30 iniziò ad investire sul turismo di alta montagna, sullo sci. Dopo le fantastiche Olimpiadi e Paralimpiadi di Torino 2006, l’uscita di scena del Gruppo Fiat con la cessione degli impianti di risalita ha reso necessaria una riorganizzazione del sistema turismo di queste montagne. Ecco allora il passaggio al Consorzio Sestriere e le Montagne Olimpiche. In ballo c’è il futuro di un territorio che ha lavorato sodo, lontano dai riflettori, contribuendo in maniera determinante al successo di Olimpiadi e Paralimpiadi Invernali di Torino 2006. Ebbene, con il medesimo spirito di squadra, si cerca di guardare avanti per proiettare un’immagine unita e coordinata capace di riflettere giusto valore di un comprensorio turistico, quello delle montagne olimpiche, ricco di natura, sport, arte, cultura che non teme confronti in ambito nazionale ed internazionale.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.